Pussy Riot in “Riot Days” al Teatro Arcimboldi di Milano

Al TAM Teatro Arcimboldi Milano, domenica 11 settembre 2022, in programma l’unica tappa italiana della performance trasgressiva delle Pussy Riot, il collettivo artistico di protesta femminista nato a Mosca. Vendite aperte, con prevendite biglietti su Ticketone.

Riot Days è live music, teatro, video per uno show innovativo sinonimo di fluidità di genere, inclusività, matriarcato, amore, decentramento, anarchia e antiautoritarismo.

I biglietti saranno disponibili a partire da lunedì 18 luglio 2022 su tiketone

Nate nel 2011, le Pussy Riot sono note in tutto il mondo per le provocatorie performance non autorizzate di guerriglia punk rock trasformate poi in video musicali diffusi sulla rete.

Nei loro testi parlano di femminismo, dei diritti LGBT e dell’opposizione al presidente russo Vladimir Putin, che considerano un dittatore.

L’attività artistica delle Pussy Riot comprende la registrazione e la pubblicazione di diversi video, fra i quali Putin Will Teach You To Love The Motherland, I Can’t Breathe (dalle ultime parole di Eric Garner mentre la polizia di New York lo teneva a terra in una stretta soffocante), Chaika, Organs, Make America Great Again.

La preghiera punk di Pussy Riot è stata nominata da “The Guardian” tra le migliori opere d’arte del 21° secolo. Il collettivo ha collaborato con Bansky per la mostra Dismaland, promossa da Marina Abramovic e creato un’esperienza immersiva nella galleria Saatchi di Londra.

Lo show Riot Days nasce nel dicembre 2016 dalla collaborazione fra Maria Alyokhina e il produttore musicale Alexander Cheparukhin ed è un’opera teatrale basata sul libro Riot Days di Alyokhina (pubblicato nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Australia, in Germania, in Francia, in Giappone, in Brasile, nella Repubblica Ceca, in Ungheria).

Riot Days è diretto da Yury Muravitsky, uno dei principali registi teatrali russi, ora direttore artistico del leggendario Teatro Taganka a Mosca.

Riot Days è una combinazione innovativa di musica dal vivo, teatro e video ed è la storia personale di Alyokhina come membro delle Pussy Riot fra azioni nella Piazza Rossa e nella Cattedrale, arresto, tribunale e prigione.

Il contenuto dello spettacolo cambia frequentemente con sempre nuovi episodi e nuovi brani musicali e non è indifferente a temi come il perseguimento dei prigionieri politici e l’aggressione russa contro l’Ucraina.

Lo show è andato in tournée in tutto il mondo con più di 200 spettacoli nella maggior parte d’Europa, Stati Uniti, Brasile, Australia e Nuova Zelanda.

Il progetto ha ricevuto prestigiosi premi internazionali, tra cui Herald Angel Award e Total Theatre Award del Festival di Edimburgo.

Di recente le Pussy Riot hanno lanciato una nuova collezione NFT, chiamata Proof of Protest, per raccogliere donazioni crypto a favore di 7 organizzazioni USA che si impegnano nella lotta per i diritti riproduttivi delle donne.

La raccolta di donazioni in crypto vuole sostenere sette organizzazioni statunitensi, impegnate nella lotta alla difesa dei diritti riproduttivi delle donne. Per conoscere le Pussy riot leggete Madonna liberaci da Putin – Le Pussy Riot scuotono la Russia (e non solo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.